I grandi errori nella SEO e il marketing digitale

Con la giusta strategia di Marketing Digitale qualsiasi piccola impresa può competere con i grandi marchi e le grandi aziende. Questo non significa solo quindi che le piccole imprese possono finalmente riuscirci. Significa anche che le grandi aziende possono sbagliare in modo spettacolare, con conseguenze negative di lunga durata.

Spesso questi problemi sono il risultato di una gestione che mette tutte le proprie uova nel paniere delle pratiche di marketing tradizionali e non riesce a comprendere il valore e le sfumature del Marketing Digitale. Forse le vendite hanno messo il loro sito web nelle mani di un reparto IT sottofinanziato, o il reparto marketing non si è mai preso il tempo di capire da dove il loro sito web ricevesse tutto il suo traffico. Per molti clienti oggi, un sito web non è un annuncio per un'azienda - è il business.

Negli ultimi due decenni, le imprese che non se ne sono rese conto ne hanno subito le conseguenze. Il bello del Marketing Digitale è che questi errori possono essere una lezione per tutti noi. Quindi ecco 3 volte in cui le grandi aziende hanno sbagliato orrendamente con il loro Marketing Digitale 

Ryanair dimentica i suoi propri reindirizzamenti 

È un vero peccato che nessuno del team di marketing digitale di Ryanair abbia mai avuto la possibilità di vedere l'episodio 4 dell'ultima serie di Google Mythbusting sulla site migration. Questo episodio parla dei passi che i proprietari dei siti devono compiere, quando spostano i loro siti in una nuova posizione, per mantenere il loro posizionamento SEO. 

All'epoca, il team di Ryanair non aveva accesso al più recente strumento di migrazione dei siti di Googlema avrebbe certamente potuto controllare le linee guida di Google per la migrazione dei siti. Se il team incaricato di spostare il vecchio sito, nella nuova posizione, avesse letto queste linee guida, si sarebbe assicurato che ogni nuova pagina che sostituiva quelle vecchie con un nuovo URL, avesse avuto dei reindirizzamenti in atto. Come i rendirizzamenti 301 permanenti, per assicurarsi che Google, e gli altri motori di ricerca, conoscessero la nuova posizione dei contenuti di queste pagine.

Purtroppo per i profitti di Ryanair, il loro team non aveva fatto nulla di tutto questo, e quando è arrivato il momento di sostituire il vecchio sito con il nuovo: la compagnia è precipitata fuori dai primi cento risultati per milioni di ricerche di voli. Seguirono alcune attenzioni indesiderate da parte dei media e alcune costose notti di reindirizzamento di quei link.

La lezione: prima di modificare gli URL di qualsiasi pagina con le classifiche che si desidera mantenere, assicurati di avere un piano di azioni per il reindirizzamento dei vecchi URL, e di sfruttare appieno gli strumenti attuali progettati per rendere questo processo più facile come lo strumento di migrazione dei siti di Google,

BMW gioca con i Blackhat e viene bruciata da Google  

L'errore che la BMW ha commesso non è stato dovuto alla pianificazione: La casa automobilistica bavarese ha ascoltato le persone sbagliate. BMW ha capito l'importanza di raggiungere le prime posizioni su Google. Invece di concentrarsi sulla creazione di contenuti di valore per le parole chiave a cui davano la priorità, hanno cercato di farsi strada con la forza nelle classifiche con le pagine doorway. Ciò comporta l'utilizzo di pagine con parole chiave per ottenere le prime posizioni, che vengono scambiate per altre pagine quando gli utenti cliccano su di esse nei risultati di ricerca.

Questa tattica del blackhat ha funzionato per un po' di tempo per la BMW, facendogli ottenere la prima posizione per l'ambito termine "auto usata". Ma qualsiasi scappatoia come questa sui motori di ricerca non durerà a lungo. Google aggiorna e cambia costantemente il modo in cui valuta i siti web per individuare più trasgressori delle regole e trovare i migliori contenuti per i cercatori. Era solo questione di tempo prima che la BMW venisse beccata. Quando lo fecero, la BBC si riferì alla punizione che ricevettero come la "pena di morte" di Google: il loro sito web ha ricevuto un punteggio zero da Google ed è scomparso dai motori di ricerca per un periodo di tempo molto doloroso per il loro reparto di marketing.

La lezione: controlla sempre e segui le linee guida per i webmaster di Google, utilizza un'applicazione di Marketing Digitale come rankingCoach che è costruita per rispettare queste regole. Questo ti aiuterà ad evitare punizioni per aver infranto le regole. E, naturalmente, se un tuo amico geek offre una "soluzione rapida" per ottenere le prime posizioni, che comporta l'inganno degli utenti o l'acquisto di backlink, rispondi educatamente con un: no, grazie.  

Toys "R" US va all in sui domini e le perde

Nel 2009, il rivenditore globale di giocattoli Toys "R" US ha speso 5,1 milioni di dollari per il nome del dominio toys.com. Spendere tutti questi soldi per un semplice URL con una parola chiave molto rilevante e facile da ricordare aveva qualche buon ragionamento dietro. Sfortunatamente, questa enorme spesa non valeva la pena senza spendere un importo aggiuntivo, ma molto più piccolo, per garantire che le classifiche esistenti dal vecchio sito fossero trasferite al nuovo

Poiché Toy 'R' US non ha fatto questo, il loro passaggio al nuovo URL è stato caotico, causando la perdita inutile di molte delle classifiche del loro vecchio sito. Questo ha fatto sì che la presa dell'azienda scivolasse sulla posizione #1 #2 #4 per il termine "giocattoli", aprendo le porte ai principali concorrenti come Amazon e spianando la strada ad anni poco piacevoli che hanno infestato l'azienda dal punto di vista commerciale.

Questa non è solo una ripetizione del caso Ryanair. Toys 'R' Us aveva chiaramente riflettuto a fondo sulla modernizzazione del suo approccio di marketing. Il problema era che pensavano che una sola parola chiave avrebbe risolto tutti i loro problemi. Il marketing digitale è molto più complesso di questo. Forse se avessero avuto l'applicazione giusta per gestire la SEO tecnica dei loro siti avrebbero potuto diventare l'Amazon per Toys, ma ne dubito: Amazon è il gigante dei giocattoli, perché ha capito che mettere i clienti online è molto di più che avere una parola chiave nel proprio URL. Dopotutto, 5,1 milioni di dollari possono comprare un sacco di Google Ads. Inoltre non è mai saggio gettare via gli URL esistenti prima di conoscere il loro reale valore di ranking. 

La lezione: quando si tratta di Marketing Digitale, specialmente SEO, non c'è una pallottola d'argento, non c'è una soluzione rapida. Se si vuole avere successo online è necessario avere un approccio multicanale completo che prenda in considerazione tutti i 200+ dei fattori di ranking e che utilizzi un approccio multicanale 

Questo può sembrare un'impresa molto difficile da fare da sola per una piccola impresa, ma rankingCoach 360 rende facile per le piccole imprese implementare la strategia di marketing digitale completa.

Scopri di più su rankingCoach 360

Altri articoli da rankingCoach 

Le 6 migliori lezioni di SEO Mythsbusting di Google

Il moderno viaggio del cliente con le piccole imprese

5 Consigli UX (User Experience) per ulteriori vendite e clienti per il tuo sito

Ottieni il successo online

Con l’App di Marketing Digitale per le piccole e medie imprese

SCOPRI DI PIÙ
Coupon: 75 € Buono di benvenuto
Coupon: 75 € Buono di benvenuto
Blog upsell - directories

14 Oct, 2020